SERATICENSE – CASTELBALDO MASI 2 – 2

In una Domenica di sole e temperature alte Seraticense e Castelbaldo Masi si dividono la posta dopo una partita corretta e giocata a viso aperto da ambo le parti. La prima frazione di gioco è equilibrato sotto l’aspetto dei pericoli accorsi ai rispettivi numeri uno ma, il possesso del campo e del gioco è quasi da subito in mano agli ospiti favoriti da un tasso tecnico maggiore e ben suddiviso in tutti i reparti. Primi a farsi pericolosi come da copione sono infatti  gli ospiti ed al 15’ Migliorini sgusciato sulla sinistra trova tempo e spazio per servire in area un pericoloso rasoterra dove Bortolotto prima e Djordjevic poi, sembrano mancare la sfera generadno una bagarre con la difesa locale che in affanno ma, riesce a sventare cavandosela in angolo. Dal corner, minuto 16’, Bortolotto appostato sul palo lungo stacca imperioso di testa sfiorando la traversa; Bagherini, per cronaca, era sulla sfera ma, la lascia sfilare sul fondo. La partita è piacevole e giocata su buoni ritmi; spesso il gioco si sviluppa nella zona mediana del campo con tentativi di lettura anticipata della giocata dell’avversario da cui nascono diversi errori non voluti ma causati data l’estrema vicinanza dei protagonisti a contendersi la sfera. Al 33’ la Seraticense esercita il suo maggior momento di pressione e mette in difficoltà il Castelbaldo rendendosi pericolosa con Bresaola: da calcio d’angolo, entrata sul primo palo e bella girata di testa del numero sette locale: Da Via abbozza l’intervento aereo ma, la sfera sorvola di poco la traversa. Locali ancora pericolosi al 38’ con la buona azione di Crema cha, dal lato corto dell’area non trovando sbocchi per la scodellata centrale, s’inventa un’azione personale e trovato un pertugio riesce ad impegnare con un fendente rasoterra insidioso sul primo palo Da Via: l’estremo agguanta in 2 tempi. La seconda frazione riprende ancora con i padroni di casa in grande spolvero che vanno vicini alla rete del vantaggio con Anghel al 5’; ottima imbeccata verticale di Fava che coglie il movimento del compagno Anghel tra le maglie della difesa ospite: sfera che arriva sui piedi del punteros locale che ha il tempo per la scoccata a rete ma, il tocco di esterno destro sfiora l’incrocio opposto e si spegne sul fondo. Al 9’ un’azione manovrata del Castelbaldo si sviluppa sulla destra, sfera al centro dove Borriero e Crema contrastano Bortollotto e ripartono, dopo qualche secondo di esitazione però il direttore di gara arresta il gioco sventola il giallo a Crema ed assegna agli ospiti un rigore apparso ai più come un generoso regalo. Al 10’ per gli ospiti, dal dischetto Bortolotto realizza di potenza. Vantaggio esterno. Nemmeno il tempo di riordinare le idee che per i locali arriva la doccia fredda del raddoppio ospite.
Scocca il 12’ quando il Castelbaldo raddoppia. La giocata parte dal centrocampo che serve Djordjevic in posizione di fuorigioco di rientro ma, per  direttore di gara ed assistente è tutto regolare, la retroguardia locale presa in controtempo non riesce a recuperare ed il nove ospite all’altezza del rigore trafigge con un tocco di precisione Bagherini in uscita. La Seraticense non ci sta e si riversa nella metà campo avversaria con il Castelbaldo che invece, forte del doppio vantaggio, pare accontentarsi ma, facendo così stacca la spina dalla partita lasciando campo e gioco ai padroni di casa che approfittano immediatamente e mettono alle corde il quotato avversario.
Al 13’ Fava dai venticinque metri coglie l’incrocio dei pali, la sfera resta in campo e sullo sviluppo della manovra arriva a Crema che la rimette al centro rasoterra; Borotto appostato sul palo lungo in estirata tocca in rete ma, è fermato nella deviazione vincente da uno strepitoso intervento di piede di Da Via che gli nega la rete. Borotto si carica la squadra sulle spalle e diventa uomo ovunque: al 18’ spalle alla porta serve nello stretto all’interno dell’area Bresaola che a pochi metri dal portiere ospite calcia a botta sicura; miracolo di Da Via che, d’istinto alza la mano e trova la sfera sventando l’ennesima occasiona locale. Il goal locale è nell’aria, pare essere questione di minuti e si concretizza con Borotto; il dieci locale infatti si riscatta al 21’ con la rete che riapre la contesa: ennesimo filtrante rasoterra che arriva sui piedi della punta giallonera nella circostanza abile nell’insaccare con una girata sotto porta; Da Via è battuto, palla in rete sul primo palo.
La Seraticense si rianima e crede all’impresa di riacciuffare i primi della classe. Anghel al 25’è steso in area da uno scomposto intervento di Dal Degan ma, anche in questa occasione per l’arbitro, il Sig. Sy di Verona, è tutto regolare. Dopo un solo giro di orologio il protagonista è ancora Borotto, questa volta in versione assist man: al 26’ fugge sulla destra, dal lato corto serve un rasoterra teso al centro per l’accorrente Montemezzo che impatta con un piattone perfetto trafiggendo Da Via con un piazzato di giustezza sul palo lungo. E’ la meritata parità. La Seraticense dopo il grande sforzo rifiata, il Castelbaldo vistosi raggiunto, dopo i cambi non pare più in grado di allestire trame degne di nota e tali da impensierire Bagherini e la sfida si conclude sancendo un pareggio utile ad entrambe le compagini.
Al triplice fischio gli ospiti festeggiano vittoria del campionato e passaggio di categoria mentre la Seraticense vede ancora intatte le speranze di partecipare ai play off promozione.

SERATICENSE: Bagherini, Crema, Mucenj (42’ st Elia), Fava, De Silveira, Borriero, Bresaola, Montemezzo (37’ st Bertocco), Anghel (35’ st Bertoldo), Borotto, Castegnaro. All. Cortellazzi

CASTELBALDO MASI: Da via, Visini (22’ st Riberto), Vallese, Crema, Dal Degan, Giordani (20’ st Trovò), Migliorin, Poli, Djordjevic (22’ st Lombardo), Bortolotto, Fusco, All. Albieri

ARBITRO: Sy sez. di Verona

RETI. st: 10’ Rig. Bortolotto (C), 12’ Djordjevic (C); 21’ Borotto (S), 26’ Montemezzo (S)

NOTE. Ammoniti: Borotto, Crema (S)